sabato 3 aprile 2010

E Miranda è andata via...



Che la legge non sia più uguale per tutti viene messo in discussione anche nelle più alte sfere politiche, ma quando accade nel rispetto delle piccole norme c’è da porsi molte domande.

La settimana scorsa la nostra bella città di Ravenna è stata letteralmente tappezzata da manifesti del Circo di Miranda Orfei. Andando in auto verso la zona ESP mi sono resa conto che la maggior parte dei manifesti erano fuori dagli spazi autorizzati all’ affissione. Presso le due rotonde adiacenti al Centro Commerciale vi erano manifesti sui pali della luce, giganteschi manifesti nelle aiuole, sulle reti di recinzioni.

Come mai chi vuole usufruire delle pubbliche affissioni deve restare nel ripetto degli spazi destinati e pagare le relative tasse e la Signora Orfei no? Abbiamo avvisato la Polizia Municipale dando il beneficio del dubbio che vi fossero nuovi spazi adibiti all’affissione …..Arrivano altre segnalazioni di simili manifesti in altre zone della città, sempre su pali della luce, e poi ,dulcis in fundo ….. volantinaggio in zone pubbliche. Nei giorni di mercato e nel centro di Ravenna dei tristi omini vestiti di rosso, distribuivano materiale pubblicitario sempre del Circo in questione. Strano! Eppure c’è un’ordinanza Comunale che vieta il volantinaggio pubblicitario. A quel punto visto che verba volant ma scripta manent, abbiamo presentato la segnalazione scritta con foto di tutto ciò al Comune e alla Polizia Municipale.

E’ passata una settimana, Miranda Orfei è andata via con i suoi manifesti, i suoi tristi omini vestiti di rosso ed i suoi infelici animali. Ciò che invece non è andata via è la domanda: quale sanzione? Questo è il rispetto nei confronti dei cittadini che pagano le tasse dovute e rispettano le regole? Boh! INon abbiamo vuto alcuna risposta, solo silenzio …… Forse lo stesso silenzio che alcuni avrebbero voluto da noi. Purtroppo in città c’è ancora chi crede nell’Art. 3 della Costituzione “la Legge è uguale per tutti”, anche per Orfei…

Al prossimo Circo

Samantha Comizzoli

Nessun commento:

Posta un commento

Il tuo commento è in attesa di essere moderato dagli autori.