sabato 3 aprile 2010

Esiti della sperimentazione del "porta a porta" al quartiere San Giuseppe

Qualche mese fa nostri rappresentati parteciparono ad alcune assemblee pubbliche del comitato cittadino di San Giuseppe dove si discuteva la partenza della raccolta differenziata porta a porta dei rifiuti nel quartiere.
Già allora, esprimemmo tutta la nostra perplessità nella modalità del progetto. I cassonetti in prossimità delle abitazioni non sono la raccolta differenziata porta a porta, mancano di lucchetti ( e quindi accessibili a chiunque di passaggio) e privi di imposizioni e controllo.
In moltissime realtà comunali italiane, il p & p differenziato ha avuto inizio dal 1998 (vedi Novara) data del Protocollo di Kyoto, senza alcuna sperimentazione, con dell’ottima informazione verso i cittadini e con l’obbligo e il controllo effettuato dall’amministrazione comunale.
Ovviamente i risultati sono ben diversi da quelli di San Giuseppe: eliminazione totale dei cassonetti con relativo aumento di spazio per il parcheggio auto, aumento dei posti di lavoro, riduzione delle bollette per i cittadini, chiusura dell’inceneritore e svuotamento della discarica per la salute sempre dei cittadini.
Quest’esempio fu fatto presente al Sindaco, che rispose con un “sperimenteremo”. Ci chiediamo esattamente che cosa si doveva sperimentare con queste modalità? Il metodo esiste già, ed affermato, non c’era nulla da sperimentareolo, ma solo da applicarlo.
Ricordando quell’assemblea cittadina ci sentiamo particolarmente colpiti dagli abitanti del quartiere a cui porgiamo i nostri ringraziamenti di tutto cuore per l’impegno messo nonostante i paletti messi da Hera, la cattiva informativa fatta, e l’assenza delle amministrazioni comunali.
A voi cittadini del quartiere diciamo grazie, soprattutto pensando che tutto ciò che stavate facendo era in funzione di un futuro migliore per i nostri figli.
Il Prof. Tomatis disse “le generazioni avvenire non ci perdoneranno il danno che gli stiamo arrecando”.

Nessun commento:

Posta un commento

Il tuo commento è in attesa di essere moderato dagli autori.