venerdì 1 ottobre 2010

Petizione contro la mafia

Oggi, 1 ottobre 2010, la nostra associazione ha consegnato, presso gli uffici URP, la petizione popolare per aver maggior trasparenza negli appalti pubblici a Ravenna.
La petizione è stata firmata da 614 ravennati e nel foglio n. 13 si trovano anche le firme di Massimo Ciancimino e Sandro Ruotolo, ovviamente non valide per il Comune di Ravenna, ma pur sempre valide per il sostegno morale.
Ravenna non è esente dalle mafie negli appalti pubblici e questo non siamo noi di Ravenna PAC a dirlo, ma indagini,sentenze e il rapporto della DIA. Il cemento e i movimenti terra avanzano, continuando a costruire in un mercato già saturo di appartamenti invenduti.
Questa petizione non terrà lontana la mafia, ma la maggior trasparenza è d'obbligo.
La petizione è strutturata in 4 richieste:
- Stipula di un regolamento che vieti l'assegnazione di appalti da parte del Comune e degli Enti ad esso collegati a ditte sottoposte ad accertamenti/indagini della magistratura o i cui amministratori e soci siano stati condannati, anche solo in primo grado, per reati non colposi.
- Pubblicazione on line sul sito del Comune dei nomi e delle relative visure camerali delle imprese che si aggiudicano appalti e sub appalti pubblici commissionati dal Comune o da Enti ad esso collegati.
- Per le opere sia di iniziativa pubblica che privata oltre ad un certo ammontare (esempio 1 milione di euro) si preveda un unico conto corrente bancario da cui l'appaltante esegua tutti i movimenti di denaro relativi all'opera.
- Aggiudicazione degli appalti attraverso l'introduzione di un sistema di gare d'appalto trasmesse on line per importi fino a 100.000 euro.

Ciò premesso intendiamo rimarcare che nell'introduzione della petizione vi è la precisa richiesta (e firmata dai 614 cittadini) di discutere la petizione in Consiglio Comunale e che venga VOTATA in sede di discussione. Questo perchè non vi siano situazioni lacunose o lasciate in sospeso per un mezzo di democrazia diretta basilare come la petizione.
Con questa petizione i cittadini alzano la loro voce sulla mafia.

Nessun commento:

Posta un commento

Il tuo commento è in attesa di essere moderato dagli autori.