giovedì 25 novembre 2010

The best of Circoscrizioni

La nostra associazione ha concluso il tour nelle Circoscrizioni per la discussione della petizione sulla maggior trasparenza negli appalti pubblici. Abbiamo racchiuso il meglio di ciò che è successo in un video,per non riportare cose inesatte o mal interpretate i cittadini potranno veder da soli alcuni episodi che hanno movimentato questo percorso. Intendiamo anzitutto ringraziare tutti i Presidenti delle Circoscrizioni per averci dato parola, poiché la cosa è ancora normata “a loro discrezione”, quindi non obbligatoria. Abbiamo avuto la possibilità di presentare la petizione motivandola in tutte le Circoscrizioni, tranne quella di Sant’Alberto. In quest’ultima, infatti, ci avrebbero dato parola, ma il Presidente con motivazione “nella mia circoscrizione non siete autorizzati a riprese video” ha vietato la video ripresa di una seduta pubblica con funzionari pubblici. Sapendo che il Garante della Privacy ha già ampliamente trattato quest’aspetto e che non si può impedire una video ripresa di una seduta pubblica (oltretutto di nostri dipendenti in nostra Circoscrizione), abbiamo ritenuto opportuno chiamare la Polizia di Stato per difendere i nostri diritti. Durante l’arrivo della volante il Presidente ha dichiarato rinviata la seduta per mancanza di numero legale, ma alla seduta successiva non siamo stati inviati….forse non gli siamo più simpatici. Ci ricorderemo di questo percorso per il “Segretario Generale” al quale saranno fischiate le orecchie più volte per una sua relazione fornita ad alcune Circoscrizioni, che è poi scomparsa e che non ci viene consegnata perché parrebbe “documento per uso interno”, usato in seduta pubblica per la discussione. Lo stesso Segretario chiamato dal Presidente di Sant’Alberto alle 21,00 per le video riprese…. E poi i cittadini si lamentano che i nostri dipendenti sono poco presenti sul lavoro?!? Il segretario risponde anche alle 21,00..
In ultimo, gran numero di Ancarani, come si vede nel video che sarà felice di vedersi su you tube.
Preferiamo però, rimanere con il ricordo di alcune persone che ci hanno rafforzato e che hanno parlato di coraggio nelle nostre attività. Comunque vada, a volte il percorso diventa più importante dell’obbiettivo. Adesso ci aspetta il Comune di Ravenna per la discussione della petizione, e questo percorso ci ha sicuramente aiutati a crescere.


Nessun commento:

Posta un commento

Il tuo commento è in attesa di essere moderato dagli autori.