lunedì 24 gennaio 2011

Il postino... ha sbagliato indirizzo

Sabato scorso la nostra associazione non ha assistito alla conferenza sulla democrazia e la partecipazione presso la Sala D’Attorre organizzata da varie associazioni e, di fatto, dal Movimento 5 stelle (Collettivo Byzantium e Ravenna Viva). Apprendiamo, però, dagli organi di stampa che il candidato sindaco avrebbe consegnato copia di un esposto redatto dai cittadini alle autorità presenti. Ci preme informare che in Via Falcone a Ravenna c'è la Procura della Repubblica e al secondo piano c’è la cancelleria, bene, è li che si consegnano gli esposti, protocollandoli al cancelliere. Si fa anche senza sparger la voce in giro, per dar modo alle autorità competenti di svolger le dovute indagini e verificare la presenza di eventuali reati. Qualsiasi altro iter è vano per un esposto. Certo, che consegnandolo in Procura è a tutti gli effetti un “esporsi in prima persona” poiché se ci sono gli estremi, partono delle indagini e di conseguenza un processo. Purtroppo questo iter lo conosciamo bene, visto che ci sono partiti 3 processi in una volta sola, con conseguenze sia economiche sia di impegno fisico. Quindi, ci chiediamo quale efficacia abbia la consegna alle autorità avvenuta sabato scorso di un “esposto” dei cittadini, se non la sola pubblicità per chi l’ha consegnato ed un po' di schiamazzo sui giornali?
La prima regola della democrazia partecipata è il non limitarsi a dar voce ai cittadini ascoltandoli, bensì dare potere ai cittadini tramite l’applicazione delle proposte che loro portano. Tutti i cittadini sanno cosa c’è che non va, il problema è applicare le soluzioni. Tutti sono capaci di ascoltare la voce del popolo, ma nessuno rende le loro voci padrone della città.
La seconda regola, invece, è non prendere per i fondelli i cittadini. E’ stata organizzata una conferenza invitando l’attuale amministrazione, che concorre per le elezioni, da gruppi che si propongono come l’alternativa politica. Sicuramente l’attuale amministrazione avrà gradito.

13 commenti:

  1. magari era solo simbolico per sollecitare l'amministrazione comunale a dare risposte....magari l'esposto ha già intrapreso la strada "regolare"...magari i cittadini li hanno contattati per fare questo....magari voi eravate troppo impegnati nella lotta alla mafia assieme a daitan 3

    RispondiElimina
  2. Ciao caro "anonimo" a 5 stelle, se l'esposto era già stato consegnato in Procura, allora è d'intelligenza non farne pubblicità, oppure si compromettono le indagini. Magari siamo impegnati, è vero, anche a non censurare i commenti, come vedi.

    RispondiElimina
  3. a 5 stelle? beh vedere il nemico in ogni angolo è sintomo di grande insicurezza. In bocca al lupo!

    RispondiElimina
  4. Lunga vita al lupo! Come animalista non potrei rispondere diversamente...

    RispondiElimina
  5. invece postare commenti anonimi è sintomo di cosa?

    RispondiElimina
  6. Visti i vari interventi sconclusionati e con argomentazioni campate in aria, che ho avuto la sfortuna di leggere, me ne guardo bene di mettere qui il mio nome. Sareste capaci di tutto pur di avere un pò di visibilità.
    Di certo non voto 5 stelle perchè prima di guadagnarsi la mia fiducia dovranno dimostrare ancora molto, ma anche voi ragazzi...mamma mia pur di far vedere qualcosa scrivete robe da far accapponare la pelle.
    La critica ci sta, ma deve essere basata su argomentazioni valide, la vostra è semplice e pura provocazione che mira semplicemente ad avere visibilità.

    RispondiElimina
  7. Alberto Ancarani24 gennaio 2011 17:08

    Samantha, ti sembrerà incredibile ma condivido questo tuo intervento totalmente.

    RispondiElimina
  8. Non si capisce dal tuo commento cosa intendi quando parli di "argomentazioni valide" e "visibilità". Noi abbiamo scritto solo alcune verità:
    1) gli esposti si presentano in Procura e in silenzio
    2) Fra gli organizzatori della conferenza c'erano due associazioni (una delle due non è nemmeno associazione) che praticamente sono il Movimento 5 stelle
    3) il candidato Sindaco ha dichiarato che la prima regola della democrazia diretta è "ascoltare i cittadini e dare loro delle risposte". E' errato! La prima regola è rendere le proposte dei cittadini azioni.

    Cosa intendi quando parli di "visibilità"? Dovremmo fare e scrivere in casa nostra senza far sapere in giro.....? Non è un pò pericoloso ciò che hai detto?
    E a questo punto, mi chiedo quale sia la tua identità, così importante da non dover figurare qui perchè ci farebbe avere visibilità...;))

    RispondiElimina
  9. Grazie Ancarani, ma non è mio, è "nostro".Comunque grazie.

    RispondiElimina
  10. non ti preoccupare caro anonimo, non siamo soliti querelare i cittadini che esprimono le loro opinioni né tantomeno censurare o mettere i "braghettoni" xxxxxxx
    :-)

    RispondiElimina
  11. Scusate, ma gli "altri" non fanno comunicati stampa, video, manifestazioni, organizzano eventi, postano link sui social network, etc, etc? E' questo che si intende per avere visibilita? Io la chiamerei liberta' d'espressione.

    RispondiElimina
  12. ....l'invidia è la religionedi mediocri. Li consola, risponde alle inquietudini che li divorano e, in ultima istanza, imputridisce le loro anime e consente di giustificare le loro grettezze e la loro avidità fino a credere che siano virtù e che le porte del cielo si spalancheranno solo per gli infelici come loro, che attraversano la vita senza lasciare altra traccia se non i loro sleali tentativi di sminuire gli altri....

    RispondiElimina
  13. ahah, non c'è problema, siete fantastici. Continuate così, buona fortuna

    RispondiElimina

Il tuo commento è in attesa di essere moderato dagli autori.