mercoledì 13 luglio 2011

MANIFESTAZIONE NO ZOO DAVANTI A MIRABILANDIA

NO ALLO ZOO

Domenica 17 luglio ore 18,30
MANIFESTAZIONE CONTRO LO ZOO A RAVENNA
Davanti ai cancelli di Mirabilandia

La Società Parco della Standiana (Mirabilandia) e Alfa 3000 hanno annunciato che stanno per aprire lo zoo, questo nonostante manchi la VINCA (Valutazione d’incidenza ambientale) e nonostante la VIA (Valutazione d’impatto ambientale) è stata eseguita praticamente in casa, anziché da un soggetto superiore ed esterno. Annuncio che va contro anche alla mancanza d’autorizzazione del Ministero dell’Ambiente per far entrare gli animali nel sito. Il Ministero aveva già tirato le orecchie per la mancanza della VINCA, indispensabile vista la vicinanza a zone SIC. Queste sono state alcune motivazioni di un ricorso al TAR dell’Emilia Romagna e che deve essere discusso a breve, ricorso presentato da molte associazioni. Discutibile anche l’assegnazione in gara d’appalto che aveva visto assegnatario Società Parco della Standiana per punteggio, ma il progetto era un altro. Il complesso zoo non ha mai visto nessun punteggio. Mirabilandia è in questo momento coinvolta in processo al Tribunale di Ravenna per indagini della Guardia di Finanza per l’affiliata Travelmix. Sulla diseducatività dello zoo si sono già espressi moltissimi Paesi, e nella maggior parte hanno optato per la loro chiusura. Imprigionare animali per esibirli (anche in stagione invernale a temperature sotto lo zero) per lucrare sulla loro pelle non può essere etica, nemmeno se lo chiamate “bio-parco” cambiate la sostanza. Gli animali non saranno mai liberi di mangiare quando e quello che vogliono, di correre dove vogliono, di accoppiarsi quando vogliono. In poche parole, una fotografia della “galera”. Non parrebbe divertente. Ma per una società che pensa al profitto da sempre, quale famiglia circense è, tutto è lecito, anche la mancanza di etica e di documenti amministrativi. Questa è la nostra terra, sono 400 mila mq che vedono le scavatrici della Acmar costruire qualcosa che non vogliamo e che al momento non è nemmeno in regola. Difendiamola!

Nessun commento:

Posta un commento

Il tuo commento è in attesa di essere moderato dagli autori.