mercoledì 18 luglio 2012

L’OMERTA’ SULLO ZOO



A Ravenna c’è un esercizio commerciale aperto senza licenza, e rimane aperto. Dopo le denunce che abbiamo consegnato, lo zoo è tutt’ora aperto. Il Sindaco è silente, ma lo scandalo è che tutti i consiglierei comunali sono zitti. Nessuno chiede al Sindaco: “perché Sindaco c’è un esercizio commerciale aperto senza licenza e lei non lo chiude?”
Anche tutti coloro che si sono detti “contro lo zoo” o che fanno parte della cosiddetta “opposizione”, tacciono.
Un anno fa chiedemmo a Pietro Vandini di presentare un’interrogazione per avere la sospensiva cautelare dalla concessione dello zoo, fintanto che vi era il ricorso al TAR pendente. Ne seguì il silenzio di un anno. Pochi giorni fa li abbiamo ricontattati per chiedere di porre al Sindaco la domanda di cui sopra, in consiglio comunale. La risposta di Vandini è che faranno la loro interrogazione sul regolamento d’igiene che non verrebbe rispettato per lo zoo… (n.b. la legge lo prefigura come giardino zoologico, non come allevamento), inutile. Vandini ci scrive, poi, che gli ordini li prende solo da sua madre di non permettersi più di rivolgersi a loro. Ovviamente in consiglio comunale per quell’interrogazione inutile non ci saremo fra il pubblico, anche se si parla dello zoo. Vi lasciamo lì, che ve la cantate e ve la suonate fra di voi, come sempre. I cittadini che lottano, fuori.
Qualche mese fa chiedemmo, poi ad Alvaro Ancisi di fare l’interrogazione per la sospensiva. Dopo mesi di silenzio ci fu la risposta negativa. Il consiglio comunale non voleva discutere l’interrogazione. Ed Ancisi ci scrive che ci sarebbero gli estremi per un ricorso al TAR, ma che non vuole imbarcarsi in un’impresa simile.
Quindi: lo zoo è aperto senza licenza, ci sono delle denunce, nessuno lo chiude, nessuno dice nulla. Tutti corresponsabili allora?

Nessun commento:

Posta un commento

Il tuo commento è in attesa di essere moderato dagli autori.