lunedì 11 febbraio 2013

FISCHI PER FASCI


FISCHI PER FASCI
Sabato scorso a Ravenna, in Piazza del Popolo, c’era Forza Nuova con Fiore per la campagna elettorale. Noi, con due tamburelli e una telecamera abbiamo portato un po’ di bel canto che ha poi creato scompiglio. Perché? Qualcuno se lo sarà pur chiesto…
Facciamo un passo indietro a quando noi ci siamo chiesti chi è Forza Nuova, come mai ha “spazio” e a chi giova che un così brutto spettacolo si svolga nelle piazze. Ritorniamo, quindi, a mesi fa quando si “radunarono” in Piazza Gandhi. Noi c’eravamo e li abbiamo filmati, in silenzio. Quelle immagini le abbiamo poi messe sul tavolino, con altri video reperibili in internet (in altre zone d’Italia) e con informazioni e dichiarazioni di persone che si dicono fasciste. Ebbene, forse la nostra conclusione  è quella che molti sanno già , ma visto che il dibattito ravennate è “fermo” alla solita aria fritta, apriamo una porta: Forza Nuova non ha un’identità politica stabile, molte delle loro posizioni (rubate ad altri gruppi politici e non) vengono cambiate dall’oggi al domani, sono persone con atteggiamenti violenti, con movimenti del corpo che si ritrovano nelle curve degli stadi. Il loro obiettivo parrebbe lo scontro fisico, politicamente non riescono a fare alcun dibattito. Parrebbe pertanto, un gruppo “civetta” che “mena”, uno specchietto per le allodole messo lì per esser indicato come “il male” e concentrare l’attenzione dei movimenti antifascisti, soprattutto degli studenti che vengono indirizzati nelle prime file per contestarli.
A chi giova tutto questo? Beh, a chi si prende luce, senz’altro; a chi può fare tranquillamente il fascista senza essere bersaglio degli studenti anche; ma soprattutto a chi ha interesse a non mostrare il male che loro stessi stanno costruendo da anni politicamente.
Ritenendo quindi, che la contestazione sarebbe stato cadere in una trappola, dargli importanza e dar luce a chi ha creato la trappola; abbiamo scelto di prendere per il culo una realtà che non ha alcun spessore politico, che andava presa per il culo, con intelligenza e facendo nascere qualche sorriso imbarazzato a chi teme che gli smontiamo tutte le volte il castellino.
Meglio, quindi, quando arrivano dei picchiatori così, inventarsi azioni intelligenti, e mai e poi mai scendere alla loro voglia di violenza o ci si presta al giochino che va avanti da 30 anni.
Le idee vengono, conoscendo, soppesando  e individuando il nemico.
 

Nessun commento:

Posta un commento

Il tuo commento è in attesa di essere moderato dagli autori.